MI SI DICE CHE ABBIAMO UN MONTE DI SOLDI MA, CHE ABBIAMO SEI MILIONI DI DEBITI.

Un sindaco, Piero Lunardi, schietto e sincero, il sogno di tanti cittadini.

Alcuni amici stufi di essere usati con false promesse, gli chiesero di rappresentarli come sindaco della loro lista civica “Uniti per Serravalle” accettò e da persona schietta e sincera chiese: Nessuna spartizione di potere, solo parità di genere e capacità culturali per gestire un programma dettato dai cittadini per il bene comune di tutti.

Il mondo si muove velocemente, le persone di buon senso si devono adeguare se, si deve cambiare, consultiamo i cittadini e con essi concordiamo il cambiamento.

Aumentiamo le tasse o vendiamo un immobile che costa e non rende per mettere in sicurezza altri immobili (scuole) usati dai cittadini.

Leggi, cambiano le interpretazioni e se ne fanno di nuove, dobbiamo adeguarsi per il bene comune dei cittadini tutti.

Dobbiamo valorizzare le attività che abbiamo, non deprimerle, dobbiamo controllare, non dirigere. Abbiamo una storia, un territorio non valorizzato “adeguatamente”, ci dobbiamo organizzare per far conoscere al mondo e portare turismo che, non è lontano, è vicino, Firenze, Pisa  …

Ascoltate il vostro sindaco:

Aspettiamo le vostre  le vostre opinioni, sempre ben accolte, utili ai cittadini per conoscere da fuori ma, dentro al palazzo …

La redazione del giornale I FOGLI

©opyright

Video e foto e materiali di questo giornale possono essere liberamente utilizzati a condizione che se ne citi l’origine con la seguente formula: “ Dal giornale: I FOGLI.

Di Piervittorio Porciatti

Dal 1998 sono in rete con notizie e foto con il giornale (ora lo chiamano blog) gli fu dato il nome: "AquaM" una parola latina il cui significato era "acqua", MA per noi voleva comunicare le notizie dei paesi di Agliana, Quarrata e Montale. Con un gruppo di giovani divenne rivista, 24 pagine a colori dal nome: "I FOGLI DI IOD, Ieri, Oggi & Domani" in migliaia di copie, conesgnate per posta ad ogni famiglia Aglianese. Da rivista divenne giornale, dal nome: "I FOGLI". Gravi malattie mi costrinsero ad abbandonare, chi mi sostitui cessò dopo poco più di un anno.