FATTI & OPINIONI 

Agliana  8 novembre 2015

 “ AGLIANA IN COMUNE “  con il suo capo gruppo, Dottor Alberto Guercini, si è giustamente meravigliato che l’ordine del giorno era diverso da quello concordato…

La stessa, accusa la maggioranza di:

“ … Ci chiediamo se anche dopo quest’ultimo affronto alle istituzioni e ai cittadini aglianesi, hanno ancora il coraggio di definirsi di sinistra? …” .

Due appunti sono dovuti:

  • Ognuno ha il diritto Democratico di definirsi come crede, come gli altri di contestare la loro definizione.
  • Vorremmo ricordare al giovane Guercini che, tutte le maggioranze, dico tutte …si sono comportate come l’attuale, l’abbiamo sempre contestato prima e lo facciamo adesso, di chi spada ferisce di spada perisce.

Presentare in consiglio comunale l’intenzione di esternalizzare dei servizi comunali non è indice di fretta ma, di passare dal dire al fare, decidere per eventuali soluzioni migliori:  

Costo più basso, qualità migliore.

cartellino timbratura lavoro Apertura

La decisione di fare una commissione il giorno prima della presentazione non è corretta e deve essere giustificata.

Ascoltate e rispondete, date esempio, di quello che la maggioranza non fa.

Occorre ponderare bene ma, poi decidere, tempi lunghi ( non sempre ) sono prediletti da chi non vuole cambiare.

Invitiamo tutti i cittadini ad essere presenti stasera, 9 novembre 2015, in commissione alle ore 21 presso il palazzo comuna di Agliana, per ascoltare e vedere lo svolgersi del dibattito.

La redazione

Di Piervittorio Porciatti

Dal 1998 sono in rete con notizie e foto con il giornale (ora lo chiamano blog) gli fu dato il nome: "AquaM" una parola latina il cui significato era "acqua", MA per noi voleva comunicare le notizie dei paesi di Agliana, Quarrata e Montale. Con un gruppo di giovani divenne rivista, 24 pagine a colori dal nome: "I FOGLI DI IOD, Ieri, Oggi & Domani" in migliaia di copie, conesgnate per posta ad ogni famiglia Aglianese. Da rivista divenne giornale, dal nome: "I FOGLI". Gravi malattie mi costrinsero ad abbandonare, chi mi sostitui cessò dopo poco più di un anno.